Warning: Undefined variable $output in /home/customer/www/musicsquare.org/public_html/wp-content/themes/enfold/includes/helper-post-format.php on line 82

Capotasto Mobile dalla A alla Z: Guida all’acquisto


I capotasti esistono da quasi quanto le chitarre e, per un dispositivo così semplice, ci sono un numero sorprendente di marche, tipi e fattori sottili coinvolti nella scelta. Sono strumenti preziosi per cambiare l’accordatura della chitarra e, in quanto tali, dovresti imparare a usare un capotasto e non vederli come “imbroglioni”.

Sarebbe impossibile testare ogni capotasto su tutte le tue chitarre per aspetto, compatibilità o problemi. Idealmente, dovrebbero esserci negozi di capotasti al centro commerciale, o un venditore di capotasti vecchio stile che porta il suo carrello attraverso il tuo villaggio con ogni tipo di capotasto da provare e acquistare. Fortunatamente, i capotasti non sono super costosi e poiché raramente si consumano o si rompono, molti di noi finiscono con la propria mini-collezione. Non esiste un unico capotasto “migliore” che faccia tutto perfettamente per ogni musicista, e il tuo capotasto preferito probabilmente cambierà un certo numero di volte nella tua vita. Ecco una lista di fattori da tenere in considerazione nella scelta del tuo capotasto.

Capotasto Mobile fotografia

Come scegliere un capotasto?

1. Tastiera piatta o radius?

Un fattore importante da tenere in considerazione durante la scelta del tuo capotasto è la curvatura della tua tastiera, solitamente le chitarre con corde d’acciaio hanno una tastiera curva (o raggiata) e le chitarre con corde di nylon hanno tipicamente una tastiera piatta. Nessuno dei due è migliore, è solo tradizione. 

Tastiera piatta VS Tastiera Radius

La maggior parte dei capotasti sono etichettati come piatti(flat), raggiati(radius) o curvi, ma non è chiaro perché c’è una notevole variazione nella curvatura del capotasto e della tastiera, che influisce sulle prestazioni di un capotasto. Ogni produttore di chitarre sceglie un raggio di tastiera adatto a loro, il che può essere un fattore nascosto che fa funzionare meglio alcuni capotasti su alcune chitarre. Se la curvatura del capotasto non corrisponde al raggio della tastiera, le corde esterne o interne potrebbero ronzare o stonare. Alcune aziende hanno sviluppato design che possono adattarsi a diversi raggi della tastiera, come i capotasti di G7th con Adaptive Radius Technology.

I manici della chitarra variano ampiamente in dimensione, quindi potresti scoprire che il tuo manico della chitarra al primo o al secondo tasto, sia troppo sottile per un particolare capotasto, o troppo largo o troppo spesso per i tasti più alti.

La forma o la larghezza del manico della tua chitarra varierà probabilmente in punti diversi, complicando notevolmente i problemi di adattamento del capotasto. Ogni capotasto ha una gamma di quanto sottile, spesso o largo può essere il collo della chitarra.

2. Tipo di gomma

Il tipo di gomma varia da capotasto a capotasto, influenzando le prestazioni. Una gomma più morbida attutirà leggermente il tono della chitarra, rispetto a una gomma più dura, ma può anche silenziare meglio le corde con meno forza. 

3. La forza

La forza è un fattore importante nella funzionalità del capotasto. I meccanismi di serraggio elastico, a molla e a vite esercitano una forza variabile, che viene applicata in modi diversi alle corde. Avrai bisogno di un capotasto che applichi una forza sufficiente, ma non eccessiva, perchè potrebbe causare problemi di accordatura.

Dovrai anche scegliere un capotasto in grado di gestire sia il calibro delle corde, che l’azione (o l’altezza) delle corde sopra la tastiera. I capotasti a molla funzionano bene per corde standard di calibro leggero e azioni normali, ma se hai corde medie o pesanti, azione alta, o anche se suoni molto forte, potresti avvertire un po ‘di tintinnio e ronzio se non scegli un modello specificamente progettato per il lavoro.

Più stringi un capotasto, più è probabile che ti stonino leggermente. Le corde dei bassi, in particolare, risulteranno maggiormente allungate, specialmente con corde più spesse o un’azione più alta. Questo è complicato, perché i manici della chitarra non hanno lo stesso spessore su tutta la tastiera e di solito diventano più spessi e larghi ai tasti più alti. I capotasti a forza fissa diventeranno quindi generalmente più stretti mentre sali sul collo. I capotasti a mascella aperta applicano una forza leggermente maggiore da un lato e vorrai provare ad attaccarli dai lati dei bassi o degli acuti per vedere se questo fa la differenza nel comportamento delle corde dei bassi.

4. Regolabili o non regolabili

Non tutti i capotasti sono ugualmente regolabili e questa è una grande preoccupazione. I meccanismi di bloccaggio a vite sono affidabili e possono essere regolati con precisione senza serrare eccessivamente, ma un maggiore controllo significa più giri e un funzionamento più lento. Diverse marche combinano una vite a testa zigrinata regolabile con un meccanismo a scatto. Regola le dimensioni e la tenuta, quindi aggancia e rimuovi rapidamente. Gli ingegnosi capotasti D’Addario progettati da Ned Steinberger consentono la comodità delle molle con l’ulteriore vantaggio di un morsetto regolabile a vite, ma potrebbe essere necessario regolarli per tasti più alti o periodi dell’anno con umidità alta o bassa. Potresti goderti i meccanismi a scatto a pressione di Shubb, Thalia o G7th.

5. Peso

Attaccare una pesante massa di metallo al manico può interferire con le risonanze del tuo strumento e ti consigliamo di considerare questo problema se sei attratto da un modello Thalia, G7th o Dan Crary. È anche più difficile tenere un capotasto pesante in tasca quando vai a una festa o a un concerto. I capotasti piccoli, sono compatti e meno visibili e hanno dei vantaggi sono questo aspetto, ma sono più facili da perdere.


6. Prezzo

Non importa quanto sia buono un capotasto da 80 euro, potrebbe essere irragionevole per te spendere così tanto e puoi essere perdonato per averne acquistato uno economico su Internet, se ciò di cui hai bisogno è cantare o suonare in una chiave più acuta. Allo stesso tempo, potresti sentirti meglio con te stesso con un capotasto costoso che funziona bene.

7. Capo completo vs Capo parziale

I capotasti completi fanno tutti lo stesso lavoro musicale: accorciano tutte le corde sulla tastiera, permettendoti di cantare e suonare in diverse tonalità. Questi sono la stragrande maggioranza dei capotasti utilizzati dai musicisti e disponibili sul mercato.

I capotasti parziali sono i nuovi ragazzi e, come suggerisce il nome, fissano meno corde alla tastiera rispetto ai capotasti completi. Cambiano il panorama delle possibilità alla tastiera più o meno allo stesso modo delle accordature alterate, sebbene possano essere usati in un modo che non cambia la geometria della tastiera come fa la risintonizzazione.

I migliori capotasti mobili per chitarra: consigli per l’acquisto

Ci auguriamo che qui troverai il tuo nuovo compagno preferito. Nella nostra lista abbiamo alcuni dei migliori capotasto disponibili oggi sul mercato e ci prendiamo il nostro tempo per discutere del motivo per cui dovrebbero valere i vostri soldi. Se sei ancora un po’ confuso su come funzionano i capotasti e perché dovresti averne uno, scrivici un commento qua sotto e ti risponderemo al più presto.

TAKIT GC2

Capotasto Mobile - Takit GC2

Il capotasto Takit GC2 è capotasto professionale, di ottima qualità, di facile utilizzo, si dimostra affidabile, è una buona soluzione anche per chi di professione fa il chitarrista.

Non solo è uno dei capotasti per chitarra più apprezzati, ma può essere utilizzato sia per chitarra elettrica che acustica e per ukulele!. Se sei il tipo di persona che ha più di uno strumento in giro, sarai felice di sapere che questo è uno di quei capotasti che possono funzionare quando sono agganciati a tutti gli strumenti sopra menzionati. Il rilascio è semplice e veloce e non richiede quantità di energia inimmaginabili; qualcosa che è comune con i capotasti più economici che hanno un rilascio molto rigido.

All’acquisto puoi scegliere tra diversi colori: Argento, Bronzo, Marrone e Nero, qualunque sia il colore della tua chitarra, sicuramente non avrai problemi a scegliere un prodotto buono e adatto al suo design.

Perché ci è piaciuto – Il capotasto Takit GC2 non è solo alla portata del grande pubblico, ma fornisce anche tutte le caratteristiche che un capotasto che costa il doppio del denaro. Questo non lascerà alcun graffio sulla tua chitarra, è facile da spostare e fornisce molta forza quando si tengono tutte le corde abbassate, indipendentemente dalla chitarra su cui lo si indossa. Questo è uno dei migliori capotasto che puoi ottenere a un prezzo così basso, è un dato di fatto!

Asmuse Professional

Capotasto Mobile - Asmuse Professional

Asmuse Professional è un capotasto più economico rispetto al Takit GC2, questo non significa che mancherà di stupirvi. Ha un design accattivante.

Il design è molto moderno e sembra molto ben fatto.Realizzato in lega di zinco ottieni una garanzia a vita. Con oltre 3.000 voti, ottiene una valutazione a 5 stelle, è facile capire perché questo capo è così popolare tra i chitarristi. Assume un design semplice e di base e fa comunque ciò che un capotasto dovrebbe fare senza sforzo. All’acquisto puoi scegliere tra due colori: nero e argento.

Perché ci è piaciuto – Il prodotto Asmuse Professional è una delle scelte migliori se stai cercando accessori per chitarra molto resistenti e utili, soprattutto perché questo capotasto è realizzato con materiali leggeri e può essere facilmente rimosso e agganciato a qualsiasi tasto. Se stai cercando un buon capo che ti aiuti a ottenere i toni alti che desideri, questa è sicuramente la scelta migliore!

Cascha Capotasto

Capotasto Mobile - Casha

Il capotasto Cascha è particolarmente adatto per chitarre classiche con corde di nylon, l’alta qualità e la costruzione ottimizzata, in combinazione con una molla di alta qualità in acciaio di qualità e una pressione ottimale, assicurano toni brillanti e un’intonazione perfetta durante l’esecuzione.

Il Cascha capotasto può essere montato e smontato facilmente e rapidamente sullo strumento con una sola mano.

Perché ci è piaciuto – Il prodotto di Cascha è uno dei migliori capotasti quando si tratta di acquistare capotasto per chitarra classica.Se decidi di acquistare questo prodotto, investirai in uno dei migliori capotasti oggi disponibili sul mercato, soprattutto per suonare durante i concerti dal vivo. Se sei sul palco molto tempo e hai bisogno di un nuovo capo o vuoi provare un nuovo concorrente di mercato, questa è sicuramente la scelta migliore!

G7th: Capotasto per professionisti

Il G7th è considerato da molti come la fascia alta del mercato quando si tratta di capotasto mobile. Questi capotasti sono fantastici in quanto sono dotati di una funzione di “controllo della tensione unico”. Tutto quello che devi fare è farlo scorrere sotto (o sopra) il manico e strizzarlo fino a quando le corde non sono “schiacciate”. Un design semplicissimo che consente ai chitarristi di applicare la giusta quantità di pressione. Infatti, i G7th hanno appena rilasciato il loro capotasto Performance 3 (vedi immagine sotto). Basandosi sul suo predecessore, la linea di capotasti Performance 3 include ora la rivoluzionaria “tecnologia del raggio regolabile ‘ in cui il pad che preme le corde si adatta al raggio della tua chitarra rendendolo perfetto per adattarsi a tutte le tue chitarre (con corde in acciaio), indipendentemente dalla misurazione del raggio .

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.